PAOLA PEREGO: LA TRIBU’? IO NON NE SAPEVO NULLA!

Un’intervista davvero ricca quella di Paola Perego a “Vanity Fair”. Innanzitutto scopriamo che la Perego, che tra poco condurrà il reality “La tribù” era convinta di continuare a fare “La Talpa”: “In realtà, io pensavo di fare “La Talpa” … Devo ancora capire cos’è accaduto. Dopo il successo che avevamo avuto davo per scontato il seguito. Invece, niente: per ora non si fa. Evidentemente fare buoni ascolti – si ricordi che su Italia Uno ho stabilito il record della rete – non basta. E a me questo non va giù”. Da parte della dirigenza Mediaset non c’è stato alcun avviso: “In pratica non mi hanno detto niente: “C’è questo nuovo reality, molto diverso dagli altri, in cui crediamo molto”. Sarà anche vero, ma come autore non lo firmo: conduco e basta. È ora che l’azienda si assuma le sue responsabilità”.
“TRIBU'” UFFICIALE Per “La tribù”, data la delusione, solo poche parole: “I concorrenti dovranno sottostare alle regole della tribù locale, i Vhil, e provare a integrarsi. Tutto è basato su superstizioni, usi e costumi. Hanno già firmato Nina Moric, Federica Moro, Eleonora Brigliadori, Elenoire Casalegno e Fabio Fulco. Ci siamo quasi con Matteo Cambi, Andrew Howe e Davide Rossi, il figlio di Vasco (Laura Freddi e Manuela Arcuri hanno rifiutato)”.
PUNTANO IL DITO Lei sa cos’è la tv spazzatura (“I reality sicuramente non lo sono. Lo è la violenza gratuita dei tg. E chi sfrutta il dolore”) e non ne fa parte: “…”Perché sono la sola a essere accusata di fare programmi spazzatura?” L’ultima edizione della “Talpa” non aveva prove estreme e nessuno ha mangiato schifezze, eppure tutti hanno puntato il dito contro di me. Mi hanno massacrata lo stesso, ovviamente. Anche “La fattoria” (votato “peggior programma dell’anno” da una giuria di esperti) che cosa aveva di diverso rispetto al resto dei reality? Perché gli altri sono “culturalmente elevati” e i miei no…”.
ARRIVA LUCIO PRESTA Discorso a parte la sua relazione con l’agente Lucio Presta, che da quando è arrivato ha fatto fare il grande salto alla sua carriera: “È vero. Non so fare pubbliche relazioni e non so parlare di soldi. Con Lucio è cambiato tutto”. Senza di lui forse avrei fatto le stesse cose, ma im-piegandoci molto più tempo. In video a fare ascolti, però, ci vado io, non lui. E poi, è talmente serio professionalmente che per me non fa mai più del dovuto”. Eppure c’è chi come Magalli ha malignamente affermato che nei contratti di Bonolis c’è la “Clausola Perego” (se lavora lui, deve lavorare anche lei): “È una cattiveria gratuita. Di certo non lavoro in Tv perché sono la fidanzata di Presta. Risulto antipatica a molta gente, forse per via della timidezza, che mi impedisce di tirar fuori il mio vero carattere. E anche perché, quando sono costretta a difendermi, divento aggressiva”. Aggressiva lo è anche con “I parassiti. Quelli che criticano i miei programmi e poi li fanno vedere in Tv, ne discutono per ore e fanno buoni ascolti. Non è mia abitudine fare nomi, ma l’unico col quale abbia litigato è Massimo Giletti”.
Annunci

Pubblicato il agosto 7, 2009 su Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: