VINCE AMICI DI CIAK…….(LA FINALE)

QUI LA NUOVA PAGINA FACEBOOK DI GRAN GALA DEL TALENTO 2!


QUI LA NUOVA PAGINA FACEBOOK DI GRAN GALA DEL TALENTO 2! IN PARTENZA DAL 1 LUGLIO 2010

VALERIO SCANU! CON IL 40% DEI VOTI!!!!

QUI LA NUOVA PAGINA FACEBOOK DI GRAN GALA DEL TALENTO 2!

QUI LA NUOVA PAGINA FACEBOOK DI GRAN GALA DEL TALENTO 2!

Annunci

Pubblicato il giugno 15, 2010 su Uncategorized. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 225 commenti.

  1. Lucaaaaaaaaaaaaaaaaaaa sempre e solo luiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!! <3<3<3<3

  2. Vivo per Luca Napolitano

    LUCA NAPOLITANO!!!

  3. Luca Napolitano!

  4. lukaaa…il miglioreeeeeeeeeeeeeee

  5. ragazzi dobbiamo far vincere luka…daiii votiamoooo

  6. LUCA NAPOLITANOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!

  7. tanto vincerà il truccaggio…..mamma miaaa!!!!!! anke in qst sondaggio ade si trucca ormai nn si possono piu fare sondaggi senza trucchi…vergognatevi tutti quelli ke truccano!!!!! tanto si capisce ki sono!!!!! ma io mi kiedo veder vincere un il vostro artista preferito con i voti truccati vi da soddisfazione?? a me nn darebbe x nnt soddisfazione…anzi

  8. arrivano gli amorosini, e non c’è n’è per nessuno!!! 😉 vai aleeeee ❤

  9. cmq i voti sono parecchi per ognuno.. quindi direi che è inutile che dite che si bara, qui non ce n’è proprio bisogno.. votate se volete e vedete come salgono i voti -.-

  10. si ho kpt ke i voti sn infiniti….ma direi ke napolitano cosi tnt voti nn ce li ha mai avuti ki sa xkè???

  11. va beh che c’entra.. bastabo 3 persone a votare ininterrottamente, e i voti salgono un monte.. mi sembra strano che la gente freghi in questo sondaggio.. poi boh..

  12. Luca Napolitano, solo Luca Napolitanoooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!! 🙂
    Sempre e solo Luca.

  13. Ma quale trukki!!!Pensate a votare!!!
    Luca x sempreeeeeee!!!

  14. Non capisco, perché fanno certe allusioni?! O.o
    E poi perché proprio su Luca e i suoi fans?! Non capisco.
    Lo dico perché non è carino, per chi legge, pensare che i sondaggi siano truccati.
    Dico davvero, cerchiamo di lasciar perdere queste cose e divertiamoci com’è giusto che sia.
    Votiamo senza pensare agli altri e vinca il migliore.
    La competizione è una cosa carina e stimolante.. perché deve trasformarsi in astio o altro?
    E poi perché accusarsi? 🙂

  15. vabbè contenti voi….xò sinceramente qst n° nn mi convincono x nnt…anke xkè penso ke una persona x qnt possa amare un cantante prima o poi si stuffi di votare cosi tnt volte….

  16. va beh.. chi vince vince. non mi sembra un sondaggio di importanza tale da creare discussioni.. poi ognuno pensa quello che vuole.. 🙂

  17. …ma LUCA NAPOLITANO…????…avrà 3 fan al massimo….se ne avesse così tanti(come in qst sondaggio) a qst’ora nn sarebbe sparito…!!!!!MA DOVE è FINITO?????????…X NN PARLARE DI MARIO NUNZIANTE…!!!!AHAHAHAH…

    EMMA EMMA EMMA EMMA EMMA & ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE——FOREVER…!!

  18. Forse se pensaste a votare come fanno gli altri invece di perdere tempo a lanciare accuse infondate i vostri artisti preferiti vincerebbero.

  19. tranquilla che stiano a votà..

  20. Luca Napolitano per sempre……
    marci vota alessandra e emma e non pensare agli altri alla fine che possano aver fatto o meno e cmq prima di parlare di Luca informati bene perchè non è di certo sparito anzi….

  21. vai lucaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  22. non mi pare che luca sia scomparso!!informati!!
    poi se per te il successo è sinonimo di “sostegni” forzati non è colpa nostra..noi sosteniamo la musica vera, quella che ci fa venire i brividi!!
    e luca sta andando e andrà avanti con le “sole” sue forze!!

  23. perchè dite alla gente di non di non offendere e di non “insinuare” che luca sia sparito.. se voi state facendo la stessa cosa??
    vi si potrebbe dire a voi INFORMATEVI, prima di dire che il successo di ale sia “forzato”.. perchè se dovete parlare tanto per aprire bocca, potete anche evitare..

  24. non mi sembra di aver fatto il nome di alessandra o di qualcun altro..parlo di come è intesa la musica oggi!! il successo è sinonimo di apparizioni in tv o quant’altro..invece non dovrebbe essere cosi!

  25. si stava parlando di loro, è stato ovvio il riferimento ad alessandra e ad emma.. cmq, magari mi sbaglio, ma non mi sembra che luca abbia tutto questo successo.. io, in quanto non sua fan, non sento luca nemmeno nominare..
    se poi vogliamo mettere il successo, sulla base delle vendite.. il discorso è lo stesso..
    poi va beh, a me interessa ben poco, era un’osservazione.. 😀 se non è cos’ ben per lui

  26. hahaha daii ragazzi nn incominciate….e poi si sa ke luca ormai nn si sente da un bel pezzo…magari x voi ke lo seguite nn è cosi ma vi posso assicurare ke vedendo da fuori nn essendo sua fan nn si è sentito nominare dal periodo amici….e poi vi prego nn iniziate a paragonare l’amoroso a napolitano ke sapete benissimo ke è una sfida già persa in partenza….un ultima cs x qnt riguarda il sondaggio vincerlo nn serve a nnt aiuta a qlcs?? mi disp ma nn è di certo un sondaggio ke aiuta al successo di un cantante….

  27. Perchè fare sempre polemica??? I nomi che sono proposti in questi fide sono quelli di giovani talenti che hanno tutti un seguito altrimenti non verrebbero neanche citati. Votiamo chi ci piace e basta! Forza Luca!

  28. e ora mi sono proprio rotta, ma perchè continuano a portare avanti all’infinito questo sondaggio
    e cavolo ognuno di questi è stato battutto e ribattutto e continuano a essere qui? che si voglia far vincere qualcuno che fino ad ora è stato perdente in tutte le sfide?
    Perchè ho capito che si vuole salvare luca
    e alla fine cosa succede l’ennesima sfida tra luca e valerio che tra l’altro in questo sondaggio lo ha già battutto per tre volte, ma che volete? uffa uffa uffa
    oxoxoxoxoxoxo

  29. Scanu non è passato…. Quindi Alessandra Amoroso!! =)

  30. Veramente Valerio è già passato..questo è il ballottaggio per ripescare uno dei quattro meno votati, cioè Napolitano, Marrone, Bellagamba o Amoroso..

  31. LUCA NAPOLITANO PER SEMPREEEEE!

  32. Comunque ricordo a tutti voi che la convinzione su cui ci fondiamo, secondo la quale SUCCESSO=TALENTO, molto probabilmente è infondata.
    Luca Napolitano è un artista molto particolare, è un cantautore ed è anche un musicista molto originale. Il fatto che sia “sparito” non vuol dire che non sia bravo! Non lo dico perché sono una sua fan, fidatevi! E poi, personalmente, non penso che sia sparito.
    Io sono felice per il fatto che un talento come Luca non venga paragonato a tutte queste marionette che sembrano essere sulla cresta dell’onda.
    Sono felice che la sua personalità stia emergendo gradualmente e non si stia imponendo presuntuosamente sul pubblico come tutti gli altri burattini pilotati dai discografici.
    Posso assicurarvi che dietro al successo ci sono solo ed esclusivamente interessi economici e commerciali.
    Spero che Luca Napolitano non esploda improvvisamente, ma lentamente e gradualmente, perché poi sarebbe destinato a scomparire come tutte le altre “mode” del momento.
    Platino, multiplatino…. secondo voi fra qualche anno si parlerà ancora di tutto ciò? 😀
    O forse non abbiamo ancora capito che siamo completamente pilotati dai media?
    Tutto ciò che fa leva sulla massa fa brillare gli occhi ai discografici!!!! Fidatevi!!
    Probabilmente ancora non si è capito come funziona il mondo discografico. Poveri noi!
    Io mi fido di Luca Napolitano, vedrete che non mi sbaglierò! 😉 Ascoltatemi e rifletteteci un po’!
    MM88

  33. Marzia, sei simpaticissima ma vorrei sapere se consulti la sfera di cristallo per predire il futuro di questi ragazzi…… 🙂
    Sui discografici hai perfettamente ragione, e che il talento va oltre il pilotamento dei media anche se incidono moltissimo sulle vendite.
    E comunque siamo soprattutto noi a decidere il loro futuro.
    OXOXOXOXO

  34. sondaggi inutili e spreca tempo…. IL TALENTO NON LO SI VEDE DA QUESTI SONDAGGI… che a mio avviso non contano a nulla

  35. visto che valero è il migliore ed è passato voto emmaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  36. EMMAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA … la migliore .. una ragazza semplice .. modesta .. unika..cn la sua voce .. 😀 EMMA MARRONE .. x sempre .. lei = la miglioreee … 😀 ❤

  37. concordo ogni minima parola di marzia. ormai di musica buona in italia ne è rimasta ben poca..
    il mio è un attacco nei confronti dei discografici.

  38. marzia fossi in te mi farei pagare per queste perle di saggezza O.O
    può anche essere vero che i discografici pilotano.. ma è il pubblico che decide prima di tutto il successo di un cantante.. vogliamo vedere quanta gente c’è ai concerti di alessandra e valerio??
    continuate pure a pensare che siano pilotati entrambi dalle case discografiche, e che il solo a meritare successo sia napolitano.. ma carta canta, e il pubblico dimostra che vi state sbagliando di grosso..

  39. emma emma emma emma emma emmaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa dai votiamoloaaaaaaaaaaaa

  40. emma e la miglioreeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee w w w emmaaaaaaa sempre nel ❤

  41. Sondaggio inutile -.-”
    Lasciamo vincere Napolitano così i suoi fans sono contenti 😉
    Cià Cià 😀

  42. Quoto con Marzia,e piantatela di insultare Luca,pensate ai vostri beniamini e basta,non vedo èerchè debba esserci sempre qualcuno che ha sempre da dire!!Questo è un sondaggio stupido ke non serve a niente,chi vince vince,non fa alcuna differenza,non si vede di certo da qui un talento!
    Luca è e sarà sempre il N°1!!!

  43. Luca Napolitano , VERO TALENTO!

  44. Grazie Luca!! sei UNICOOO!

    Ma basta con questi confrontiii!
    ognuno sostiene chi vuole!
    io sostengo Luca Napolitano e me ne vanto!

  45. ALESSANDRA E NN SI DISCUTE!!!!!

  46. io dico solo una cosa parlate di platino die vostri artisti ma per la cronaca e tanto per informarvi anche Luca è disco di platino… il fatto che non venga pubblicizzato e/o strumentalizzato dai programmi tv(Amici in primis che sembra essersi dimenticato di lui) non significa che non lavori più che non continui ad avere successo e soprattutto che non continui ad emozionarci con la SUA musica….

  47. emmaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa x tutta la vitaaaaaaaaaa!!! <3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3

  48. emma è la migliore!!

  49. amorosiniiiii fatevi sentireee forza votate x la nostra stella inkantevole ke fine avete ftt dajeeeeeeeeeeeee SANDRINAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

  50. votate aleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee daiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

  51. Alessandra Amorosooooooooooooooooooooooooooooooooo…sei unikaaaa ❤ *-*

  52. continuate kosi amorosiniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

  53. Grazie Luca!! sei UNICOOO!

    Luca Napolitano ALLINFINITO!

  54. Grazie Luca!! sei UNICOOO!

    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!

  55. Grazie Luca!! sei UNICOOO!

    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!

  56. Grazie Luca!! sei UNICOOO!

    LUCA! LUCA!LUCA!LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!
    LUCA!

  57. Comunque aggiungerei solo un’ultima cosa.
    Non voglio dire che l’unico che merita di fare successo è Luca. Io non ho nulla contro gli altri ragazzi. 🙂

    Inoltre ricordo che Luca Napolitano non ha né vinto Amici né vinto Sanremo.. non ha vinto nulla! Non mi sto buttando la zappa sui piedi, è così, sono obbiettiva perché sono certa che questo non dipende dal fatto che non sia bravo.
    Il successo che sta avendo lo sta avendo pian piano e lo sta avendo basandosi sulle sue forze e quelle dei suoi fans. E’ ovvio che non sia iper-pubblicizzato.

    Se consideriamo questo possiamo benissimo dire che Luca ha un pubblico numerosissimo!
    Persone che partono dalla Sicilia, dalla Lombardia, ecc. per andarlo a vedere e non parlo solo di ragazzine; parlo anche di persone adulte.
    Voglio dire, è già abbastanza!

    Le apparizioni che Luca fa sono proporzionate alla sua fama. E’ ovvio che i discografici puntino più su chi ha un forte riscontro sulla massa! A loro non interessa nulla se sei bravo o meno, l’importante è vendere.
    Per molti Luca Napolitano è un emerito sconosciuto, probabilmente il suo pubblico non riempirà gli stadi ma considerato il suo percorso è più che normale. Inoltre c’è da dire che Luca ha raggiunto il platino, nonostante tutto. Luca piace eccome!
    Si sta muovendo piano piano e per me è molto meglio così!
    Anche i miei genitori sono innamorati di Luca! Perché sanno che Lui non è il tipico ragazzino che fa il figo su un palco ma è un cantautore e un musicista valido e originale.
    Chiedo scusa se scrivo così tanto ma credetemi per me Luca Napolitano è un grandissimo talento e credo davvero molto in lui.. e quando scrivono qualcosa contro di lui è come se attaccassero una parte di me. E poi adoro scambiare opinioni con tutti voi 😉 i sondaggi con i commenti mi piacciono soprattutto per questo! XD Baci!

  58. Grazie Luca!! sei UNICOOO!

    LUCA NAPOLITANO!

  59. se la vogliamo mettere sul piano dei platini ale ne ha vinto 4.. e non sono stati pubblicizzati tutti 😉

  60. …..allora io ho sl detto k EMMA e ALESSANDRA… fino ad adesso sn qll k hanno fatto + successo….. mlt di + di LuCA nAPOLITANO…..k io k nn sn 1 suo fan…nn sento nominare da 1 pezzo…..poi…..qst un sondaggio……..kissene di k vince…..

    EMMA E ALESSANDRA REGNANO…!!!!!

  61. esatto marci!! PATRIOT

  62. ALESSANDRAAAA!!! Sempre e solo Sandrinaaa!! <3<3<3

  63. vincere un sondaggio nn dimostra la bravura e quanto è amato un cantante mi disp dirvelo ma a quanto pare ve lo siete dimenticati la bravura e il talento lo si dimostra coi fatti nn cn i sondaggi(facilmente truccabili)….quindi vi pregoo lasciate vincere sto lucaa cosi almeno hanno qlcs di cui essere felici,un ridicolo sondaggio cm tutti gli altri la realtà e la musica vera è ben altra!!!!!!!!!

  64. Cara/o heyla nn c frega nulla di questo sondaggio se nn lo hai ankora kapito e noi siamo da sempre felici e fieri di Luca del resto nn c frega niente,mika siamo kome voi ke pensiamo agli altri!!!
    Pensate a votare e sostenere ki amate e non stressate gli altri!!

    LUCA THE BESTTTT!!!!!!!!!!!!!!!

  65. forza emmaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa !!!!!!!

  66. votate sandrinaaaaaaaaaa

  67. Chi se ne frega del sondaggio? La bravura non si dimostra, di certo, tramite un sondaggio!
    Questi sono solo dei modi carini per sfidarsi virtualmente come una sorta di gioco competitivo, nulla di più, nulla di meno.
    Io sostengo Luca e voto lui ^^ ma se non vince figuriamoci, cosa cambia!?
    Giochiamo e basta 🙂 Chi vince vince!!

  68. sempre e solo LUCA NAPOLITANo

  69. La mia fonte di emozioni è lui LUCA NAPOLITANO!

  70. Ma chi è Luca Napolitano o Emma M.?
    Io conosco solo ALESSANDRA AMOROSO!
    La nuova stella della musica italiana!

  71. Aleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

  72. Manco la dovrebbero mettere Alessandra in questi sondaggi per bimbeminkia!
    Ale ormai è una BIG!e splende nel cielo delle star della musica italiana!

  73. FORZA LUKINO
    VOTIAMO LUKA

  74. LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA

  75. assolutamente LUCA NAPOLITANO!!!!
    lui è un cantante ke emoziona tantissimo, quindi deve vincere lui! VOTIAMOLOO!
    forza liuk!!!♥♥♥

  76. nn capisco xkè l’amoroso sta ancora messa in qst sondaggi….cioè ormai le sfide dell’amoroso sn nella realtà nn nei sondaggi online…mi sembra strano ke mettano ancora alessandra amoroso in qst sondaggi….lei è amata nn sl da giovani ma è riuscita ad arrivare ad un pubblico molto vasto ke la aprezza e l’ammira…ormai l’amoroso nn si può kiamare qll ke ha vinto amici lei anke se deve ancora fare mlt strada è ALESSANDRA AMOROSO ke è riuscita ad avere un piccolo(x ade) posto nel panorama musicale italiano(quello vero) e sinceramente la sua presenza in qst sondaggi nn me la spiego…ma vabbè…

  77. aliceeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee e lucaaaaaaaaaaaaa

  78. o luka napolitanooo statte zitto e bono sei venuto qua pe canta e adesso nn rompe le palle qiuuuuu

  79. Oii lucaaa oii luca mioooo… No, Luca Mio No Sti C***I..!!!!! Ahahahahahahahah Ti Amo Sandrììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììììì

  80. piera (bluforever)

    arrivano gli amorosiniiiiiiiiiiii forza aleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

  81. Aleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee…la meiu *_____*

  82. alessandra amoroso x tutta la vita!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  83. LUCA NAPOLITANO PER SEMPREEEE!!!

  84. ma che luca e luca,ale sempre e comunque…..

  85. LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!

  86. LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!

  87. LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!

  88. LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!

  89. LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!

  90. ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE ALE

  91. lucaaaaaaaaaa napolitanooooooooooooooo foreverrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

  92. bhe marti io ai concerti di amoroso e scanu ci sn andata e ne ho visti anche in televisione … non è che c’erano molte persone …
    Da contare poi che i concerti che fa scanu sono tutti gratuiti e allora li è ovvio che le persone ci vadano anche per uscire la sera o per passare il tempo però ciò non vuol dire che lo amino o che siano loro fan … prova a fare un concerto a pagamento e vediamo quante persone ci vanno …
    Io sono andata ad un concerto di Luca a pagamento ( 14 euro a persona ) e c’erano oltre 5.000 persone … per non parlare poi di partite , concerti di solidarietà etc…
    E comunque non potete contare il successo di alcune persone da questi stupidi sondaggi … anche perchè sappiamo benissimo che emma e alessandra vendono molto più di Valerio o Mario …
    E poi un’altra cosa… come mai luca con iul suo album l’infinito che non è stato pubblicizzato per nnt … non è stato appoggiato da nessun big o personaggio della tv è arrivato al disco d’oro superandolo anche … e valerio dopo aver vinto sanremo e aver partecipato a molte famose trasmissioni televisive ha venduto solo poco più di 35.000 copie ?? …
    Fossi in voi ci ragionerei un pokino …

  93. sempre e solo LUCAAAAAAAAAAAAAAAAA..TI AMOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

  94. EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA ❤ EMMA EMMA EMMA EMMA EMMA EMMA EMMA <3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<3<<3<3<3<3<3<33<3<3<3<3<3<<3<3

  95. secondo me sti sondaggi infine sono inutile…tutti e 4 sono molto bravi e conosciuti da tutti noi..c’è ki preferisce ale ki luka ki emma ki alice…ma nonostante ciò nn dimentikiamo ke loro sono dei veri talenti!!|

  96. ragazzi inutile ke stiamo qui a litigare xke chi è il migliore… tutti e 4 sono dei talenti ke si sn fatti conoscere x la loro bravura…inutile dire ke uno di loro nn è bravo…io preferisco luka xkè riesce ad emozionarmi, quando ascolto la sua musica mi sento bene…ciò nn toglie che alessandra che ormai conosciuta da tutti cn un talento strepitoso nn sia brava…tanto meno emmucccia ke mi piace molto..ma anke aly un ottima ballerina…quindi chiunque vinca questo sondaggio..nn cambià nnt…loro sn ormai degli idoli x noi ragazze/i
    un bacio….

    lukina_simo__

  97. (x sara)…cmq io sono andato a un concerto di ale ed era SOLD-OUT a torino…..e il biglietto costava….17 euro…….qnd..!!!

    votate le 2 nuove stelle della musica italiana…..EMMA e ALEEE….!!!!!dai suuu…!!

  98. Luca 4 ever!!!!!Il migliore in assoluto!!!!!!!<3<3<3<3 ki vince nn vince nulla,solo uno stupido sondaggio insignifikante,quindi basta con le polemiche!!!!

  99. AHAH CHE ILLUSE!! MA DAVVERO CREDETE CHE IL DISCO DI LUCA SIA PLATINO? GIA’ IL SECONDO DISCO E’ STATO UN FLOP MA GLI HANNO CONSEGNATO IL DISCO D’ORO SULLE COPIE DISTRIBUITE, ORA A DISTANZA DI PIù DI UN ANNO IL CD VAI E’ STATO PREMIATO SULLE STIME VENDUTE COME ORO E VOI SPERATE DAVVERO CHE SIA DI PLATINO? CHIUNQUE ABBIA UN PO’ DI SALE IN ZUCCA CAPREBBE CHE E’ MATEMATICAMENTE IMPOSSIBILE!!!!! MA E’ INUTILE RAGIONARE CON CHI NON VUOLE VEDERE…SIETE RIDICOLE

  100. ale ❤ ale < 3ale ❤ ale ❤ sempre nel ❤ di tutti.la nostra stella dll rivelzione dll musica italiana

  101. <>

    Comunque Luca Napolitano ha raggiunto il Platino ed è stato premiato per l’Oro in quanto non l’ha raggiunto nel tempo previsto.
    In ogni caso che importa?! 🙂 Anche se fosse disco di gesso XD per me andrebbe benissimo, l’importante è che Luca continui a scrivere musica e regalarmi emozioni infinite.

  102. NON HA SENSO QUESTO DISCORSO! NON ESISTONO TEMPI DI SCADENZA PER RICONOSCERE I DATI DI VENDITA,ANZI A FINE ANNO VIENE SEMPRE STILATA UNA CLASSIFICA SUI DATI VENDUTI E NON DISTRIBUITI!! PER CUI DATO CHE LUCA HA PRESO IL DISCO D’ORO A FINE MAGGIO E QUEST’ANNO QUESTO STESSO DISCO D’ORO GLI E’ STATO PREMIATO AI WMA ED ESSENDO CHE IL CD NON E’ MAI RISALITO IN CLASSIFICA FIMI IL CD NON PUO’ ESSERE PLATINO!! MA A VOI PIACE CROGIOLARVI NELL’IDEA CHE LO SIA E CHE FORZE AVVERSE E MALVAGIE NON GLIELO VOGLIANO CONSEGNARE..VABE CONTENTE VOI..APRITE GLI OCCHI E NON LASCIATEVI PRENDERE IN GIRO!!!!!!

  103. e basta parlare senza conoscere i fatti reali, se valerio e alessandra fanno dei concerti dove non si paga sicuramente è perchè sono talmente richiesti e pur di averli perchè richiamano pubblico le spese le pagano gli organizzatori e nei concerti del tuor si paga eccomo, ho pagato 18 euro ed era pieno di gente andata esclusivamente per lui, e per quanto riguarda le vendite del disco per tutte le volte che gli hanno dato solo il disco d’oro perchè la metà delle vendite le ha fatte in edicola e queste copie non sono per ora state conteggiate infatti ha venduto quasi 100.000 copie e non 35.000 come dice la nostra amica sopra….. per non parlare del disco di platino (quasi doppio) per i download e qua poi si parla di vendite reali e non di distribuzione dei dischi che spesso e volentieri rimangono negli scaffali dei negozi e nonostante questo vengono conteggiati….. quindi tacete se non sapete come stanno veramente le cose.

    VALERIO SESU SU MELLUSU….

    OXOXOXOXOXOX

    elsa

  104. emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<3emma<3emma<3emma<3 emma<3emma<
  105. X MARCI puo darsi .. ma io nn mi riferivo tanto ad alessandra ma quanto a valerio …

  106. Senti pampula hai rotto un po’,accusi noi fan di Luca di farci prendere in giro,a parte che a noi disco d’oro o platino interessa poco lo seguiamo e seguiremo sempre e non sarà certo quanti dischi vende a farcelo amare di + o di -,ma prima di parlare visto che vuoi fare la maestrina dovresti informarti.
    Luca ha vinto il disco d’oro a maggio 2009,ma è rimasto in classifica per tutta l’estate èuscito dalla classifica fimi a fine agosto,inoltre da dati di vendite effettive fatte dalla fimi le copie al 31/12/2009 sono di 55000 copie VENDUTE.
    Ora siccome saprai che hanno abbassato il numero di copie per il platino a 60000 immagino che non sia difficile da credere che abbia venduto 5000 copie in 5 mesi visto che i suoi fan continuano a comprare anche vai.

  107. se arrivano gli amorosini ve ne potete anke andare tutti a casa!!! nn c’è storia!!!! sandrina regnaaaaaaa

  108. Luca Napolitanooooooooooooo

  109. A pampula ma perchè prima di parlare a vanvera non ti informi??Vai di Luca è platino,se non sai nulla taci!!!E comunque non dovrebbe di certo interessarti se è platino o Oro visto che non è il tuo idolo!!!!

    Luca è e rimane comunque il migliore!!!!

  110. Alessandra Amoroso ( :

  111. LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!

  112. LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUC
  113. Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma Emma
  114. VOTO LOREDANAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA !! PS: LA TIZIA SOPRA DI ME CHE HA SCRITTO MILIONI DI VOLTE ”EMMA EMMA” VEDI CHE è STATA ELIMINATA GIA’ DA TEMPO 😉

  115. mariù MARIù mariù MARIù mariù <3<3<3<3<3

  116. Luca….sempre Luca

  117. Luca N A P O L I T A NO

  118. ciao luca sei fantastico continua cosi meriti di vincere e a tutti quelli che dicono che e sparito andate sul suo sito e vedete lui ce e tra noi fans che lo sosteniamo e non siamo in tre voi pensate a sostenere i vostri cantanti che a luca pensiamo noi basta polemiche e ora di finirla noi non facciamo polemica su nessuno siamo fans veri e siamo fieri di gridare luca e solo lucaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  119. ciao luca salutami alice e mario

  120. Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca

  121. Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca Luca

  122. mario nunziante per me è il migliore. senza nulla togliere agli altri. avete ragione sul fatto che si sia un po perso, non si vede tanto in giro. ma come cantautore non gli si può dire niente, scrive poesie. poi ognuno a i suoi gusti. non criticate quelli degli altri. MARIO 4EVER. TI ADOROOOO 🙂 ❤ ❤

  123. Ma che vuol dire parità di voti??? Come è possibile che siano finiti pari?? Ahahahah avete dovuto far rientrare per forza l’Amoroso dovesse mai rimanere fuori da qualcosa…..

  124. LOREDANA

  125. loredana e luca sono i migliori…i veri artisti…

  126. guardate ke alessandra non è proprio un bel niente !!! .. altro ke stella della musica italiana … ma vi rendete conto di qll ke dite ?? …
    Non si puo paragonare alessandra amoroso ad una giorgia … elisa … fiorella mannoia … x favoreee …
    Vi siete montate troppo la testa proprio come lei … !
    Io riconosco che alessandra è brava ( essendo del suo paese sono forse di parte) … ma non arriverei mai a dire che alessandta sia oltre … sia la stella della musica italiana etc etc …
    DETTO QUESTO FORZA LUCA NAPOLITANO !!!!

  127. voto luca napoilitano perchè sa scriversi le canzoni da solo,sa suonare tantissimi strumenti ha una bellissima voce. qst ci deve fare riflette su come gli artisti devono essere, cioè anche autonomi.
    forza luca napolitano

  128. IO SONO INFORMATA…SIETE VOI CHE VI PRENDETE IN GIRO.. LA DIMOSTRAZIONE CHE LUCA NON HA IL DISCO DI PLATINO STA NEL FATTO CHE ADESSO AI WMA E’ STATO PREMIATO AL DISCO VAI PER L’ORO..DATO CHE WMA CONTANO I CD VENDUTI DA INIZIO MAGGIO 2009 SIGNIFICA CHE IN QUESTO PERIODO LUI HA VENDUTO 35.000<X<60.000 (VEDIAMO SE CON LA MATEMATICA LO CAPITE) DA UN PERIODO COMPRESO DA INIZIO MAGGIO 2009-FINE MAGGIO 2010 E DATO CHE IL SUO CD NELLA CLASSIFICA FIMI CHE CONTA I CD VENDUTI DURANTE TUTTO L'ARCO DELL'ANNO (USCITA MI SEMBRA A NOVEMBRE MA NON NE SONO SICURA) LUI ERA MOLTO PIù DISTANTE DA ALTRI CD CHE HANNO PRESO IL PLATINO CERTIFICATO SIGNIFICA CHE NE AVRA' VENUTI CIRSCA 45.000 E POICHE' IL SUO CD NON E' MAI PIU' RIENTRATO IN CLASSIFICA FIMI CHE CONTA I CD VENDUTI E DATO CHE SECONDO IL NUOVO REGOLAMENTO I CD DI PLATINO, ORO ECC.. DEVONO ESSERE RICONOSCIUTI IN BSE ALLE COPIE VENDUTE E NON DISTRIBUITE (COME AVEVANO FATTO CON L'INFINITO CHE SI E NO AVRA' VENDUTO 10.000 COPIE E NON MI DITE CHE NON E' VERO) IL SUO CD VAI NON PUO' MAI AVER PRESO IL PLATINO!!! COME VOLESI DIMOSTRARE..E' OVVIO E LOGICO PER CUI CHI CI CREDE E' ALOGICO E SI LASCIA PRENDERE IN GIRO..

  129. lucaaaaaaaaa napolitano nel cuoreee ora e per sempre!!

  130. raga votiamo tt x Valerio Scanu ok.Il nostro capitano dv vincere anke qua

  131. Anche se dovesse perdere questa sfida finale VALERIO ha già vinto, perchè tutti gli altri finalisti ci sono perchè sono stati ripescati con il ballottaggio anche più di una volta o con voti veramente minimi confronto a quelli presi dal grande e magico nonchè EMOZIONATORE e talentuoso VALERIO SCANU, come dico sempre SESI SU MELLUSU
    OXOXOXOXOXOXO
    Elsa

  132. Valeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Un capitano,c’è solo un capitano,un capitanoooo,c’è sl un capitanooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  133. ma ke luca e luca..nn si sa più neanche ke fine a fatto…nn sente più,,anzi nn si è mai sentito…Ale x tt la vita!!!!!

  134. MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO ❤ ❤

  135. emma chi?
    la cafona intronata????

  136. ALESSANDRA AMOROSO!!!!!! ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE
  137. ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<ALE<3ALE<3ALE3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE ❤ ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALEALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE<3ALE&l
  138. LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LOLORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY RY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LOLORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY RY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LOLORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY RY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LOLORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY RY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LOLORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY RY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LOLORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY RY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LOLORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY RY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LOLORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY RY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LOLORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY RY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LLORY ORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY LORY THE BOSS

  139. MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO ❤ ❤

    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO
    MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO MARIO ❤ ❤

  140. Ahahahahahahah
    Luca ne ha di FANS!! e direi che lo abbiamo dimostrato! inutile che tutti insinuate che bariamo! noi LUCHINE nn bariamo MAI! chi è stato che truccò i voti qualche mese fa? e il sito se ne accorse? di certo mica noi! le amorosine sono state! quindi prima di venire a fare la predica a noi, guardati allo spekkio !

  141. PER FAVORE SE VOLETE SCRIVERE MESSAGGI VA BENE MA rubare TUTTO LO SPAZIO PER SCRIVERE UN NOME è ALQUANTO PALLOSO E INSOPORTABILE, GRAZIE.
    OXOXOXOXOXO

  142. Valeeeeeeeeeeeeeeeeee

  143. valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥valerio ♥

  144. sentite tutte quelle ke votano x luca è tempo perso luca ha fatto solo un disco e poi si e sentito parlare + di lui noooooo…… quindi forza ale e vale x sempre

  145. ….o mamma siete da vero pesanti……

  146. valerio xs nel cuore….il miglioreeeeeeeeeeeeeee nn ha rivali…

  147. SI SCRIVE DAVVERO…… E NON DA VERO…… PER NON PARLARE DI ….. O MAMMA……

  148. RAFFYVALERIO (zia Raffy)

    VALERIO 1000 VOLTE VALERIO IL MIGLIORE IN ASSOLUTO il tempo ci darà ragione… noi sappiamo attendere e non temiamo nessuno ! Valerio è il migliore in assoluto !

  149. io sto votandi di continuo ma i risultati sono esmpre uguali bho

  150. TANTO VINCERàà ALESSANDRA
    PRR
    ARRENDETEVìì

  151. alessandra amoroso è la meglio
    forza ALESSANDRA

  152. tutti quest artisti messi insieme non sono niente a confronto ad ALESSANDRA AMOROSO…
    SANDRINA vaì…….

  153. dp l’uscita di Emma…….Ora deve vincere l’altra regina di Amici…!!!!!!!

    ALE……….REGNA!!!!!!!!!!!!!!!

  154. …per ELISA…guarda che non sono solo gli italiani che votano….e se sbaglio chiedo scusa…l’importante e che sono qua e sto votando…e chi mi conosce lo sa che lo faccio con tanto amore…per una persona molto speciale per me…..

  155. luca napolitano

  156. per maria maddalena, chiedo scusa se ti ho offesa 🙂 dal nome non ho pensato minimamente che non fossi italiana.
    ciao

  157. MADO ECCO LA DIMOSTRAZIONE DELLE BIMBOMINKIA CHE SCRIVONO 50MILAVOLTE LO STESSO NOME .. O_O

  158. x PAMPULA,IO NON SO PERCHE’ PERDO TEMPO HA PARLARE CON TE MA COMUNQUE CI RIPROVO.
    1° LA CLASSIFICA FIMI DEL 2009 E’ USCITA A GENNAIO NON A NOVEMBRE OVVIAMENTE PERCHE’ CONSIDERA TUTTO IL 2009 SPERO CHE FIN QUI CI ARRIVI,LUCA ERA 65°
    2° LA CLASSIFICA FATTA DA UN SITO SPECIALIZZATO CHE CALCOLA LE VENDITE IN BASE ALLA PRESENZA IN FIMI HA DETERMINATO CHE LUCA HA VENDUTO 55000 E PASSA COPIE AL 31/12/2009,ED E’ STATO IN CLASSIFICA PER 5 MESI DA APRILE A FINE AGOSTO.QUESTO DATO NON ME LO SONO INVENTATO IO.
    3° CERCANDO DI CAPIRE IL TUO RAGIONAMENTO TU DICI CHE I DATI PER IL WMA SONO CALCOLATI DA MAGGIO 2009 A MAGGIO 2010 ,LUCA HA PRESO IL WMA D’ORO QUINDI SONO 35000 COPIE,MA COME TU BEN SAPRAI VAI E’ USCITO AD APRILE 2009 ED E’ ENTRATO SUBITO NELLA TOP TEN ED E’ STATO PER LE 4 SETTIMANE DI APRILE TRA I PRIMI 5 QUANTO VALGONO IN COPIE SECONDO TE,INOLTRE CHI NON ENTRA IN CLASSIFICA FIMI NON VUOL DIRE CHE NON VENDE.SAPRAI BENE CHE PER ENTRARE IN FIMI DEVI VENDERE UN CERTO NUMERO DI COPIE NELLA SETTIMANA INTERESSATA DALLA CLASSIFICA,MA SE NON ARRIVI A QUEL NUMERO DI COPIE NON VUOL DIRE COMUNQUE CHE NESSUNO HA COMPRATO DELLE COPIE DEL DISCO.ALLORA GENTE COME ARISA,POVIA,MORO CHE DOPO SANREMO SONO STATE POCHE SETTIMANE IN CLASSIFICA E NE SONO USCITE DA UN PEZZO VUOL DIRE CHE NON VENDONO PIU’ UN LORO DISCO?
    3°MA NON SARAI QUELLA/O EX FAN CHE SUL BLOG CONTINUA A DIRE QUESTE STESSE COSE?COSA E’ LA TUA MISSIONE FAR CAPIRE A NOI POVERE ILLUSE CHE LUCA NON E’ PLATINO?LEGGO UN’ACREDINE NELLE COSE CHE SCRIVI CHE SINCERAMENTE MI FAI PENA,SI VEDE CHE QUESTA COSA DEL PLATINO PROPRIO TI RODE.

  159. Ma e` assurdo, do` voti a Loredana e diminuiscono e invece aumentano a Valerio, mah hahahaha.

  160. max perchè forse ci sono più fans di Valerio che votano per lui???è normale…Perchè dovete sempre pensare a trucchetti o cose varie??Le fan di Luca sono sempre più ridicole,non l hanno ancora capito che è scomparso purtroppo…Volete paragonarlo ad Alessandra o a Valerio??NO..Hanno venduto il triplo di lui e per giunta Valerio ha vinto Sanremo,siete messe proprio maluccio se dite che Luca non è scomparso..Poi se vi accontentate delle briciole per carità fate come volete

  161. senza dubbio :luca napolitano ❤

  162. W Alessandra Amoroso e Valerio Scanuu!!!

  163. luca napolitano a vitaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  164. VALE<3 VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3VALE<3

  165. SCANU SCANU SCANU SCANU SCANU e ancora SCANUUUUUUUUUUUUUUU….brividi,emozioni,gioia,questo è tutto quello che mi trasmette sia con la sua musica che con la sua persona.E’ davvero un periodaccio per me e l unico che riesce a tirarmi su è sempre lui,basta mettere il cd nello stereo e tutto quello che accade intorno a me svanisce,e ci sono soltanto io a rinascere con la sua splendida voce…Grazie davvero perchè pur non sapendolo,mi hai cambiato la vita….SEI UN GRANDE VALERIOOOOO

  166. RAFFYVALERIO(Zia Raffy)

    Valerio Scanu per sempre !
    Ha una voce meravigliosa per potenza colore ed estensione! Una tecnica sopraffina anche dal punto di vista lirico, scusate se è poco ! Essendo giovanissimo ha anche di diritto tanto tempo per crescere, ma soprattutto è un ragazzo che ha un cuore straordinario per amare e …..per cantare i sentimenti ! Quando canta arriva dritto dritto al cuore, emoziona e fa sognare !

  167. VoTiAmO iL vErO tAlEnTo VaLeRiO ScAnU ❤

  168. ale è la miglioreee!! ❤

  169. LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!
    LUCA! LUCA! LUCA! LUCA!

  170. cly per me non e` un problema e non ho niente contro Valerio o Alessandra, ma mi fa ridere, perche` e` quello che vedo!!! Non posso negare!! 😀

  171. VALERIOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

  172. sondaggio falsissimoooooooo sto votando da ore e ore e ale al posto di salire scende mamma mia ke falsita questo sondaggio vabbe tanto ki vince nn venc prp nnt xcio tanto i sndaggi piu imoprtanti li abbiamo vinti noi aleeeeeeeeeeee sei la miglioreeeee

  173. LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! Da: E M O Z I O N I su giugno 17, 2010 alle 9:15 am LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! Da: E M O Z I O N I su giugno 17, 2010 alle 9:17 am LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! Da: E M O Z I O N I su giugno 17, 2010 alle 9:18 am LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! Da: E M O Z I O N I su giugno 17, 2010 alle 9:19 am LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUCA! LUC
  174. caro giovanni, forse hai tu qualche problema
    1) non è possibile che stia votando ore e ore perchè oltre 50 voti ogni 3 ore non puoi darli,
    2) non riesci a pensare e ammettere che ci sono più fans di valerio che votano e quindi i suoi voti salgono di più di quelli di alessandra (che tra l’altro amo)
    3) per falsare i risultati forse bisognerebbe chiedere proprio agli amorosini, perchè in certi sondaggi ha vinto in maniera inspiegabile, 6 milioni di voti di preferenza, 500.000 preferenze in più ogni notte mentre gli altri andavano a passi di formichina nonostante li si votasse…..
    4) poi mi spieghi quali sono i sondaggi più importanti che avete vinto….
    ciao caro, un abbraccio

    VALERIO SCANU un nome UN’EMOZIONE!!!!!!!!!!!!

    oxoxoxoxoxoxo

  175. Non vi sopporto più.
    Sono una persona che non perde quasi mai la calma, per farmi arrabbiare bisogna proprio farmi qualcosa di serio e nonostante tutto non riesco mai ad alterarmi… ma oggi è troppo.

    Voglio dire tutto quello che penso…. non vi sopporto più. Sono sincera, non vi sopporto più.
    Ovunque io vada (sul web) trovo commenti assurdi sulla competizione tra i soliti personaggini di Amici o altri Talent.
    Su Youtube, su Messenger, ovunque.
    Non ne posso più.
    Mi sento ridicola e mi chiedo: “ma è possibile che il genere umano sia così stupido?”
    Cavoli, dopo miliardi di anni di evoluzione dimostriamo almeno di avere una corteccia cerebrale, almeno quella.

    Prendetemi pure a parole ma sappiate che quello che sto per dire è quello che penso… e che se dico tutto questo è perché sono stanca di leggere commenti contro Tizio o contro Caio, non ne posso più. Vorrei che ragionassimo su certe cose.

    Amo la musica, la ascolto e la pratico.. e soprattutto mi aggiorno e la cerco anche su Internet.
    Quando cerco Wagner, Beethoven o altri artisti, non trovo alcun commento o alcuna competizione.
    Per non parlare di Lucio Battisti o Franco Battiato, insomma, cerco di tutto. Fate la prova.
    Andate su Youtube.
    Cercate Lucio Battisti e guardate i commenti sotto.
    Immagino abbiate intuito che non troverete mai qualcuno che dice: <>

    Ora vi riporto un altro tipo di commento:
    <>
    Ora, con tutto il rispetto per chi ha scritto questo commento… ma ci rendiamo conto?! Questo mi è sembrato il più calzante.
    Che figura ci facciamo?
    Ovvio che poi ci snobbano a causa dei pregiudizi sui ragazzi dei Talent, logico.
    Leggere queste stupidaggini mi rivolta lo stomaco.
    Questo è un caso, avrei potuto riportare un altro esempio perché ce ne sono anche di peggiori in giro!

    Lo dico a priori, sono una fan di Luca Napolitano e sono fiera di dire che Luca è l’unico artista che amo nonostante ascolti un mare di musica. L’unico in assoluto. Non vorrei che pensaste che sono di parte, il mio discorso è riferito a tutti.
    Non ho bisogno di dire che Valerio fa schifo o che Loredana fa pena, ecc ecc. perché di loro non me ne frega un bel cavolo.

    Voglio solo dirvi che io non ho intenzione di paragonare Luca al resto di Amici o chissà cos’altro. Non me ne frega proprio niente di loro.
    Vorrei solo che capissimo tutti insieme che in questo modo dimostriamo di essere dei grandissimi ignoranti “battibeccandoci” in continuazione.

    Mi sono davvero stancata. Scrivete ciò che volete. Non mi importa, sarete voi a commentarvi da soli con i vostri commenti.
    E sapete qual è la cosa più bella?
    Cha alla fine saranno i vostri beniamini a farci una figuraccia perché sicuramente i fans di Stevie Wonder non litigano con quelli di Marvin Gaye, statene certi.
    Mi riferisco anche ai fans di Luca, io non sono di parte. Sono stanca.
    Scusate la lunghezza ma spero che possiamo riflettere su queste cose.
    Baci a tutti.

  176. MARZIA CONDIVIDO AL 100% IL TUO PENSIERO!

  177. Sono d’accordo con Marzia.
    E non solo sui commenti, anzi!
    Su tutti i comportamenti! E’ ridicolo, davvero!
    Litigare per un sondaggio che non decreterà NULLA! Non cambierà la vita nè a Luca, Alessandra, Valerio, Mario o Loredana, nè a noi fan! Votiamo se ci va, ma Basta!
    Avere dubbi su i trucchetti? Ma perchè?! Credo che se uno dubiti di un altro o in particolare infanghi la dignità di un altro a priori, vuol dire che lui il primo ha qualcosa da temere!
    Se io buttassi una carta per terra, e poi rimproverassi un altro tizio per aver buttato a terra la mia carta, lo farei per ‘pararmi il c**o’ non per giustiziare su una carta buttata.
    Non è questo sondaggio che influirà sulla carriera di nessuno, i VERI risultati si vedranno fuori e più in là, non ora che tutti questi ragazzi sono ‘neonati’ nel settore!
    Insomma, basta!
    Buona giornata a tutti!

  178. ALEX NON SO A COSA TI RIFERISCA MA MI HAI SICURAMENTE SCAMBIATO CON QUALCUN ALTRO..IL MIO RAGIONAMENTO E’ CHIARO E LOGICO, TU MI PARLI DI STIME CALCOLATE DAL WORLD WIDE ALBUMS CHE NON E’ NE SPECIALIZZATO NE AFFIDABILE COME AFFERMI.. IO SONO LEGATA A UNO DI QUESTI RAGAZZI CHE OGGI COMPETONO, ANZI L’UNICO CHE CON LE STORIE DI PLATINO, ORO ECC.. HA AVUTO PURTROPPO LE GAMBE TAGLIATE E PERCIO’ SONO MOLTO INFORMATA E SO BENE DI COSA PARLO.. PER NON RIENTRARE IN CLASSIFICA FIMI VUOL DIRE CHE SI VENDONO MOLTE POCHE COPIE, SICURAMENTE INFERIORI ALLE 50, GLI ALBUM AGLI ULTIMI POSTI NON VENDONO MAI UNA GROSSA CIFRA FIGURIAMOCI CHI NON CI RIENTRA PER NIENTE.. IL MIO DISCORSO NON ERA BASATO SU STIME MA SU DATI REALI, SO BENE CHE IL CD DI LUCA E’ USCITO AD APRILE (COME QUELLO DI TUTTI GLI ALTRI) MA SO ANCHE CHE IL DISCO D’ORO (CHE LA WARNER NON CONSEGNA IN BASE AL VENDUTO TERREI A SOTTOLINEARE) GLI E’ STATO CONSEGNATO IL 16 MAGGIO.. METTIAMO ANCHE PER ASSURDO CHE IL 16 MAGGIO ABBIA EFFETTIVAMENTE VENDUTO 35.000 COPIE PER NON AVER PRESO IL WMA2009 CHE CONTAVA SOLO I DISCHI DI PLATINO SIGNIFICA CHE DAL 16/05 AL 30/05 NON HA VENDUTO ALTRE 35.000 PERCHè ALLORA IL PLATINO ERA 70.000 COPIE..ADESSO PER AVER PRESO IL WMA D’ORO SIGNIFICA CHE DAL 01/05/09 AL 30/05/2010 HA VENDUTO SOLO 35.000 COPIE COSA ASSOLUTAMENTE GIUSTIFICATA DALLA SCOMPARSA IN FIMI.. PER CUI SE LA CLASSIFICA CHE TIENE CONTO DI TUTTE LE COPIE VENDUTE NEL 2009 A GENNAIO STIMA CHE LUCA SIA 65° SIGNIFCA CHE HA VENDUTO SU PER GIU’ 45.000 COPIE..NON SONO I CD VENDUTI FUORIDALLA CLASSIFICA FIMI CHE CAMBIANO QUESTI DATI NON PRENDIAMOCI IN GIRO..PER CUI E’ ASSOLUTAMENTE GIUSTIFICATO L’ORO DI VAI AI WMA E ANCHE IL MANCATO PLATINO CHE INFATTI LA WARNER NON UFFICIALIZZA..O DIMENTICATE PURE QUANDO BALETRA DICEVA CHE MANCAVANO POCHE COPIE? QUELLA ERA O NO UNA PRESA IN GIRO? MA TANTO FINO A QUANDO VI STA BENE SIETE PRONTI A CREDERE A QUALSIASI COSA..MA NON IMPORTA QUESTO DISCORSO MI HA STUFATO..SEI STATO DISPOSTO PURE AD ACCUSARMI DI QUALCOSA CHE NON HO MAI FATTO PUR DI AVVALLARE LA TUA TESI E MI HAI DETTO PURE CHE FACCIO PENA PER AVER DETTO QUALCOSA DI SCOMODO.. VERAMENTE INFANTILE

  179. LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA ALUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA LUCA

  180. ALEEEEEEEEEEEEEEEEEE !!!!!!!!!!!!

  181. Valerio Scanu ♥

  182. Senza tutti questi giri di parole che fate voi dico:
    VALERIO SCANU!

  183. sempre e solo e unico nel vero senso della parola luca napolitanooo

  184. ALESSANDRA AMOROSO PER SEMPRE!!!

  185. loredana e luca the best”!”

  186. RAFFYVALERIO (zia Raffy)

    Valerio Scanu : io adoro questo meraviglioso artista!

  187. cmq ki dice ke luca ha poki fansa nn ha ragione xk lui è il migliore assieme a emma marrone e alessandra amoroso…

  188. C’è..E KOME SEMPRE è AVANTI IL TRUCCAGGIO..MA ALMENO QUI NN SI PUO EVITARE…QUI SI VOTA,VOTA E VOTA..MA SIAMO SEMPRE Lì…NOI FANS VOTIAMO IN CONTINUAZIONE IL NOSTRO ARTISTA..E I VOYI MENTRE STANNO A 203 SONO PASSATI A 173…E POI OGNI VOLTA K DAI UN VOTO IN KONTEMPORANEO SALE VALERIO SCANU…MA STIAMO BENE…CI PASSA ANCHE LA VOGLIA DI VOTARE IN QUESTI SONDAGGIO “TRUCCATI”…PERKE SOLO KOSì SI POSSONO DEFINIRE!

  189. E come sempre questi sondaggi truccati passiamo le ore a votare queto sondaggio a Votare Luac Napoilitano e poi sono 3 giordi che non sale mai e i voti vengono calcolati a valerio scanu Vergogna !!!

  190. Può vincere kiunque ma una kosa è certa..da questo sondaggio INUTILE nn si premia il talento…ki vince vince?..kissene frega…io di certo kontinuerò a sostenere il mio idolo LUCA NAPOLITANO…e vi sbagliate quando dite k nn si sente parlare di lui in giro…forse fate fintra di nn saperlo…di certo nn è uno di quegli artisti k esplode kn successo…e poi skompare…lui uscirà fuori pian piano..kn il tempo…perkè di un artista del genere è difficile dimentikarsene…Kn la sua umiltà,calmezza e kn la sua volontà otterrà quello k ha sempre sognato…CANTARE…e lui cantando EMOZIONA…Ed è uno dei pochi cantanti k si è konquistato tt da solo…Si merita tutto il successo di qst mondo…G R A Z I E L U C A …continua kosì..xk noi abbiamo bisogno di te,della tua musika,delle tue emozioni!!

  191. Luca Napolitano: originale e unico!

  192. MA PIANTATELA CON STA STORIA CHE VOTATE LUCA E SALE VALERIO, IO HO APPENA VOTATO E I VOTI DI VALERIO SALI VANO MAN MANO CHE VOTAVO E TENEVO D’OCCHIO GLI ALTRI E SALVIANO ANCHE LORO MAN MANO CHE GLI ALTRI VOTAVANO, NON MI è MAI CAPITATO DI VEDERE NUMERI TORNARE INDIETRO, NON è CHE LEGGETE MALE NELLE RIGHE? QUELLA CHE PUò SCENDERE è LA PERCENTUALE NON I VOTI, E QUELLI è NORMALE CHE SCENDANO SE DALL’ALTRA PARTE CI SONO PIù PERSONE CHE VOTANO E FANNO AUMENTARE IL DISTACCO DEI VOTI DA UNO ALL’ALTRO.
    DATEVI PACE E ONTINUATE A VOTARE I VOSTRI BENIAMINI.

    XOXOXOXOXOXOXO
    ELSA

  193. i fans di valerio sn prp ladriiiii imbroglioni sl lui sale gli altri stann semp o stess booo se questo nn e falso

  194. Giovanni sei ripetitivo, ma come al solito scrivi cavolate, noi fans di Valerio votiamo e rivotiamo e siamo tante ed è per questo che i suoi voti salgono uno dopo uno e quando votate anche voi salgono anche i vostri voti, io li vedo salire mentre voto e votate, ma se siente in minoranza che ci si può fare, sai capita che sono sola a votare Valerio e tanti per alessandra o luca e i voti di Valerio salgono di uno in uno mentre voto e vedo gli altri correre, questo sai cosa vuol dire? che in quel momento solo l’unica che sta votando Valerio mentre ci sono diverse persone in contemporanea a votare per gli altri, MA SPESSO SIAMO IN TANTE A VOTARE PER VALERIO CHE I NUMERI VOLANO. Ora hai capito? o devi lamentarti ancora?

    VALERIO SU MELLUSU
    OXOXOXOXOXOXOXO

  195. RAFFYVALERIO (zia Raffy)

    Valerio Scanu ieri come oggi come domani per sempre !

  196. Giovanni, Valerio nei sondaggi domina sempre e in modo corretto…ladro ci sarai te e non di certo noi fan che ci facciamo un sedere così per muovere il ditino su quel tasto..punto numero 2..sale soltanto lui perchè lui è il migliore e noi fan lo sappiamo..Se non ti piace questo sondaggio vai e non dire cose insensate…ciao….VALERIO SCANU SIMPLY THE BEST

  197. Luca…Luca….Luca…. sempre e solo Luca!!!

  198. Marialuisa zocchi

    Loredana forever!! Voce, talento e anima..

  199. sono d’accordo con marzia…ognuno faccia il propio tifo e voti chi vuole….cmq forza luca napolitano

  200. ladriiiiii ma k kazzzz e mai possibile ka kil rikkion e valerio nn scende maiiiii!!!si kapisce subito ke questo sondaggio lo ha ftt un fans di quel gay xke tt gli altri kantanti salgono e scendono sl il gay no ba ladrii sl kosi potete vincereeee

  201. ahahaha valerio il iglioreeeeeeeeeeeee ahahahaahahahahahaha!!!potete pure vincere tanto valerio nn avra nessun premio qui xcio invece alessandra lo ha battuto ad amici lo ha battuto nell vendite e nei tuor sanremo lo ha vinto grz ad ale xke kome vd la giuria lo ka elimin ato amress ambress ahahaha ale invece ha vinto tt i sondaggi piu importanti kom quelllo di rtl prr vai aleee sei la miglioreeeeeeeeeee(valerio la wuallera)

  202. a un altra kosa vedi ke bn ki ha piu fans nella pagine ufficile ale se lo magia a valerio xcioo facit o cess

  203. caro giovanni, penso che tu sia patetico, e non permetterti di offendere chi proprio non ti cerca e ti pensa, stai attento a quello che scrivi che potresti passare guai penali con gli insulti.
    Alessandra è bravissima e nessuno lo nega, ha battutto Valerio ad Amici perchè erano uno più bravo dell’altro alla fine la vittoria di alessandra su valerio magari è stata perchè i fans di valerio hanno dovuto votare per due volte e non solo una e vuol dire tanto caro giovanni, basta pensare che valerio è stato sempre primo mentre alessandra stava sempre in fondo alla classifica, (immeritatamente) e per quanto riguarda sanremo caro giovanni, noi avremmo votato e salvato valerio anche senza la presenza di alessandra, vedi risultato finale che lo ha fatto vincere. Poi per quanto riguarda i i sondaggi, ricorda che valerio ha vinto sempre quando c’era da spendere soldi per sostenerlo vedi rtl come miglior video, dove purtroppo alessandra a perso sia nei confronti di valerio ma anche come donna dell’anno a sfavore di Malika (cosa di qui non sono concorde). Quindi scialla e non permetterti di insultare uno dei più cari amici di Alessandra se non vuoi passare guai giudiziari, pensa e ragiona prima di scrivere, è anche un consiglio…..

    VALERIO SCANU – SU MELLUSU

    OXOXOXOXOXOXO
    elsa

  204. per quanto riguarda in numero di fans, non c’è tanto da vantarsi visto che poi non votano, magari perchè i fans che ha in comune con alessandra poi votano per valerio dovendo scegliere……

  205. ma facit o cessssssssss!!!1 xke i fan s di valerio dovevano votare 2 vl ??vabbe cmq mi scoccio di paralare tanto so ke ale e la migliore valerio nn e mai stato davanti a madonna nn ha mai diciamo kondotto un programma e poi riguardon sanremo io vuolevo dire ke la giuria lo ha eliminato xke nn vale nnt si puo salvare sl kon i fans ke ha invece ale e stimata anke dalle giurie guarda casa ad amici ha vinto anke il premio della kritika!xcioo cmq scusa se sn un po scostumato vai aleeeeeeeee <3<3<3

  206. un altra kosa e vero io vedo i voti di ale x esmp sn 83,117 kontnuo a votare e sn 83,106 cee impossibile !!cmq elsa nnce bisogno ke ogni kazz che scrivo dv rispondere vabbuoo!!!io scrio quello ke voglio ee nn rompere ogni tant rispondi ma ki ta kiammt va a vuta kil cess va

  207. un altra kosa e vero io vedo i voti di ale x esmp sn 83,117 kontnuo a votare e sn 83,106 cee impossibile !!cmq elsa nnce bisogno ke ogni kazz che scrivo dv rispondere vabbuoo!!!io scrio quello ke voglio ee nn rompere ogni tant rispondi ma ki ta kiammt va a vuta kil cess va alessandra la numero unooooooooooo <3<3<3

  208. Giovanni, ho capito sei così piccolo che non c’è proprio da risponderti piu’, spero che i fans di alessandra non siano tutti come te (e ne sono sicura) altrimenti che pianto, che tristezza.

    VALERIO è PRIMO E RESTERà PRIMO PERCHè ESTI SU MESSULU E I MELLUSU SIAMO NOI SUE FANS…….

    OXOXOXOXOXOXO
    elsa 🙂

  209. vabbuooo sisi hai ragion ciaaa!!a brav nn rispondere piu ogni kos rispondi tu in mezzo ma k buoooooo!!forza aleeee<3

  210. Macchè Luca napolitano!!!! da dove è uscito! aveva poche percentuali.. poi forse forse lukino non si è fatto sentire più.. Viva VALERIO! HA VINTO SANREMO,TRL ON ROAD, E’ OSPITE DI TANTISSIMI PROGAMMI TELEVISIMI.. E luca NON SI E’ FATTO SENTIRE PIU’ !! VALERIO SCANUUU E’ PER SEMPRE!

  211. CERTO!! AVETE BARATOOOOOOOOOO !!

  212. BRUTTII BAGAROZZII DI MERDA !! AVETE BARATO… HA RAGIONE GIOVANNI !!XKè NOI VOTAVAMO ALE E I VOTI NN SALIVANO RESTAVANO SEMPRE LO STESSO !!

  213. MA STà ZITTAAAAA -.-

  214. LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤ LILLO WINNER ❤

  215. ahahahha quando si perde si grida sempre al tarocco..ma mi dispiace per voi non ci sono trucchi ..la verità che non solo i vostri cocchi sono amati…Ma anche il MITICO VALERIOSCANU

  216. NON C’ERANO DUBBI CHE AVREBBE VINTO VALERIO, HA VINTO TUTTE LE SFIDE PRECEDENTI E GLI AVVERSARI ERANO LI SOLO PERCHE’ RIPESCATI DAL BALLOTTAGGIO……
    E QUESTA STORIA DEGLI IMBROGLI….. HO TENUTO D’OCCHIO L’ANDAMENTO DELLE VOTAZIONI, E MAI I NUMERI DEI VOTI DI CHIUNQUE SONO TORNATI INDIETRO RISPETTO A QUELLI PRECEDENTI, FORSE AVETE PROBLEMI CON I VOSTRI PC CHE VI FANNO VEDERE COSE STRANE, IL MIO FUNZIONA E NON MI HA MAI DATO STO PROBLEMA, ADDIRITTURA PER FARE LA PROVA HO VOLUTO PROVARE A VOTARE ANCHE GLI ALTRI E I VOTI ANDAVANO PER CHI VOTAVO IN QUEL MOMENTO, QUINDI SCLIALLA, NOI FANS DI VALERIO ABBIAMO VOTATO DI PIù E COSTANTEMENTE PERCHè SIAMO CONVINTI CHE LUI LO MERITA VERAMENTE PERCHè IL SUO TALENTO è VERAMENTE GRANDE E LA SUA VOCE CI DA VERAMENTE TANTO, GRANDE VALERIO
    COME ORAMAI AMO SCRIVERE SEMBRE
    valerio sesu su mellusu

    OXOXOXOXOXOXO
    elsa

  217. THE WINNER IS:
    Vale ❤ Vale ❤ Vale ❤ Vale ❤ Vale ❤
    Vale <3Vale <3Vale <3Vale <3Vale ❤
    Vale <3Vale <3Vale <3Vale <3Vale ❤
    Vale <3Vale <3Vale <3Vale <3Vale ❤
    Vale <3Vale <3Vale <3Vale <3Vale ❤
    Vale <3Vale <3Vale <3Vale <3Vale ❤
    Vale <3Vale <3Vale <3Vale <3Vale ❤
    Vale <3Vale <3Vale <3Vale ❤

  218. Luca Napolitanoooooooooooooooooo

  219. valeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

  220. MARIO NUNZIANTE….ALWAYS!!! IS THE BEST!!!

  221. Raffaella Bergomi

    Per domani e per sempre … in bocca al lupo e buona fortuna Valerio sei il migliore!
    Ti voglio bene ! Raffy

  222. Raffaella Bergomi

    Valerio Scanu

  223. ahahahhh ma alla fine ke ha vinto valreio??nessun premio e allora sondaggio inutile e questo ahahah w alessandra amorosoooooooo

  224. si si Giovanni COME SEMPRE ha vinto Valerio 😉 è imbattibile mi dispiace,fatevene una ragione luchine,amorosine,alicine e quant altro ;)…Comunque tra i 4 rimasti voto sicuramente Alessandra,è una bravissima cantante e anche molto simpatica e umile:)…FORZA VALERIO SCANUUUUUUUUUUUUU

  1. Pingback: Amici di Ciak-2°puntata « PROPTEROB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: